L’hi-tech incontra il buon sonno e ci aiuta a dormire meglio

Lug 9, 2016 | Prima di Domani

Può la tecnologia aiutarci a dormire bene? È risaputo che smartphone e tablet, se utilizzati la sera, possono avere effetti negativi sul nostro sonno. Ma non dimentichiamo che ci sono strumenti hi-tech studiati appositamente per migliorare la qualità del sonno. Ecco cinque motivi per cui affidarsi all’hi tech per riposare bene.

Le app della luce
Non puoi fare a meno di utilizzare tablet o dello smartphone a letto? Ecco che arrivano in tuo aiuto le app coi filtri per la luminosità. Per Android esistono diverse app che alterano efficacemente il colore dello schermo ed evitare così che l’esposizione alla luce blu, durante le ore serali, influisca sui ritmi circadiani e ritardi il sonno.
Apple, invece, ha ideato la funzione ‘Night Shift’ che usa la geolocalizzazione e l’orologio per il dispositivo iOS 9.3; quando il sole è al tramonto cambia i colori del display, spostandoli verso gradazioni più calde. Al mattino tornano le impostazioni originali. Sogni d’oro.

Lampadine con variazione cromatica
Le lampadine a led che mutano colore aiutano a ricreare nelle ore notturne un’atmosfera soft e rilassata. Scegliendo la giusta gradazione e intensità riducono l’effetto abbagliante delle lampadine standard che a volte ci tiene svegli anche quando sarebbe ora di andare a dormire! Sono molto utili, anche per chi si deve alzare di notte, consentendo una regolazione della luce a bassa intensità per riprendere sonno senza problemi.

Sveglie di ultima generazione
Innovazioni stanno avvenendo anche nel settore delle sveglie. Un esempio è ‘Withings Aura’: una sveglia 2.0 con un dispositivo che emette luci e suoni graduati per aiutare la persona ad addormentarsi. Altre sveglie di ultima generazione sono impostate per passare gradualmente a luci dal tono più freddo circa mezz’ora prima che la sveglia inizi a suonare.

Luci smart
Dopo i cellulari, anche le lampadine sono smart. Possono essere comandate con smartphone o tablet utilizzando la tecnologia bluetooth e wi-fi; consentono di regolare l’intensità luminosa e hanno anche funzioni aggiuntive, come la possibilità di generare luci di colori diversi o anche di riprodurre la musica dello smartphone tramite uno speaker presente vicino alla lampadina.

Il giusto risveglio
Se è importante seguire alcune regole per dormire bene, è altrettanto importante avere un dolce risveglio. Meglio evitare, se possibile, suoni forti e improvvisi. Alcuni smartphone sono dotati di allarmi non sonori, basati sulla sola vibrazione che sale di intensità man mano che ci si avvicina all’orario in cui bisogna alzarsi.
Un’altra idea? iSleep, il cuscino gonfiabile per chi vuole schiacciare un pisolino davanti al notebook, che può svegliarvi all’orario prestabilito grazie alla playlist sul PC!

Tante sono le soluzioni super tecnologiche. E tu quale preferisci?

Nella stessa categoria

Altre News dal Magazine

Ago 08, 2017

Sleeping Genius

Einstein, Churchill, Napoleone, Obama, Gates, Benjamin Franklin, ma anche Kant, Hugo, Mozart e Freud. Questi nomi non...