#UNBUONSONNO

Dormire bene? È una questione di posizione

Per sentirti in forma durante il giorno, devi aver fatto il pieno di riposo durante la notte.
Uno dei modi per migliorare la qualità del tuo sonno è scegliere la posizione giusta per dormire. Seguici alla scoperta dei pro e contro delle tre principali posizioni e scopri qual è quella giusta per te.

Qualche appunto sulla colonna vertebrale

La nostra colonna vertebrale presenta due curve naturali: la lordosi (a livello cervicale e lombare), ovvero archi convessi verso il fronte del corpo, e la cifosi (a livello toracico e sacro-coccigeo), un arco convesso verso il dorso. Lordosi e cifosi sono responsabili della mobilità della colonna, della sua resistenza ed elasticità. Per evitare problemi di salute, è importante mantenere in posizione corretta queste curvature anche durante la notte. Solo così il riposo sarà salutare al 100%.

Posizione prona

La posizione a pancia in giù, scelta dal 5% della popolazione, è corretta per la distribuzione del peso corporeo, ma non per la spina dorsale perché accentua la lordosi lombare.
È la meno consigliata dagli esperti perché il profondo avvallamento creato del peso del corpo, unito all’intestino che spinge sul diaframma, non è salutare per la schiena e può rendere più faticosa la respirazione. La testa, per respirare bene, è inoltre girata è questo può causare problemi alla cervicale e tensione a livello muscolare.
Se proprio non puoi rinunciare a questa posizione, l’unico consiglio che possiamo darti è di aggiungere un supporto sotto il corpo e dormire senza cuscino. Valutazione: posizione sconsigliata, soprattutto in caso di mal di schiena e problemi respiratori.

Posizione laterale

Preferita dal 65% delle persone, ricorda la posizione dei feti nel ventre materno e degli astronauti in assenza di gravità.
Si contraddistingue, oltre che per la posizione laterale, per un piegamento degli arti inferiori che evita di accentuare la lordosi lombare che si produce quando si tengono le gambe allungate.
La corretta lordosi è garantita da un cuscino adeguato e da un sistema letto corretto. Il lato sinistro è spesso consigliato per chi soffre di problemi digestivi derivanti da reflusso gastrico.
Unico neo di questa posizione? La pressione su cuscino e materasso può accentuare le rughe sul viso e sul seno.
Valutazione: buona posizione per schiena e problemi gastrici, meno per la bellezza.

Posizione supina

Adottata dal 30% delle persone, è la posizione migliore per la salute della schiena. Garantisce una stabilità ottimale e un’idonea lordosi e cifosi. Ovviamente a condizione che le curve della schiena siano corrette e che le caratteristiche del letto siano adeguate.
Se il letto è troppo soffice si rischia un affondamento del corpo eccessivo.
Per favorire una buona posizione della lordosi cervicale non va dimenticato il cuscino giusto. Alcuni esempi sono i nostri Tempus e Kronos, studiati per garantire un ottimo supporto cervicale.
L’unico contro di questa posizione? Può stimolare il russare.
Valutazione: ottima posizione per la schiena. Unico neo: può stimolare il russare.

Like   -   Comment
Scopri altri articoli #PRIMADIDOMANI #STORIES #TIPS #UNBUONSONNO #IOSCELGO